Azienda Agricola Francesco Gangemi - Home
Azienda Agricola Francesco Gangemi test - Cuore Mediterraneo
pulsante tondo rus - Azienda Agricola Francesco Gangemitasto tondo eng - Azienda Agricola Francesco GangemiBergamotto Biologico
Consigliato da Top Negozi
Blog Olio d'oliva-Azienda Agricola Francesco GangemiLibro degli ospiti azienda agricola francesco gangemi
italiano italian, pagina in italiano






Per vederlo, hai bisogno di Flash Player.


i nostri prodotti, our products
il nostro olio d'oliva
salse e contorni, speacy soace, olives
sapone d'olio d'oliva e d'olio d'olive e bergamotto
agrumi clementine, arance, limoni, cedri
delizie di stagione azienda agricola francesco gangemi
Tasti verdi per home page estratti
le nostre novità quali frutta di stagione e cestini Natalizi
le nostre promozioni
contattaci mailing list

L'Azienda produce prodotti biologici alta qualità quali olio d'oliva, olio extravergine d'oliva, olio al peperoncino, olio al rosmarino, olio biologico, olive biologiche, creme piccanti, sapone all'olio d'oliva, sapone all'olio d'oliva e bergamotto, agrumi, prodotti tipici
 
L'Azienda
Le nostre attività operano da oltre 40 anni ed i nostri interessi spaziano in vari settori, tra i più importanti la produzione e la commercializzazione di agricoli di alta qualità quale l'olio d'oliva ed il bergamotto. 
L' azienda  è sita nel Comune di  Reggio Calabria, a circa 5 km dal mare ed ad un altitudine che spazia tra i 200 ed i 600 metri , in un territorio montuoso ai confini col mare, posizione geografica e microclimatica ideale per la coltivazione dell’ ulivo e degli agrumi, nella stessa valle ed a pochi chilometri da dove fu impiantata la prima piantagione intensiva di bergamotto nel 1750 da Nicola Parisi nel fondo di Rada Giunchi dove oggi si trova, il cuore della città di Reggio Calabria, locazione ed innesti che attribuiscono appunto ai nostri bergamotti proprietà e gusto diversi dagli impianti moderni perché discendenti dai bergamotti antichi. 
Per vederlo, hai bisogno di Flash Player.
Il Bergamotto Biologico di Francesco Gangemi
diDomenico Liggeri per Storienogastronomiche.it Reggio Calabria 3.9.2015 - L’intransigenza etica in campo agricolo può avere il profumo poetico del bergamotto: così è per l’Azienda Agricola Francesco Gangemi che ha scelto di coltivare, trasformare e commercializzare questo prodotto unico senza ricorrere a furbizie per assecondare il mercato più superficiale. Il bergamotto per la famiglia Gangemi è una cosa seria, da rispettare e trattare nella maniera più attenta a naturale possibile. Perché il bergamotto c’è da secoli qui a Limbone, contrada dello sterminato territorio del comune di Reggio Calabria. La prima piantagione intensiva è datata 1750, quando a pochi chilometri dai terreni di Gangemi il lungimirante Nicola Parisi pensò bene di puntare su questo agrume che per un miracolo della natura può nascere e svilupparsi con le sue migliori caratteristiche peculiari soltanto in una lingua di terra della provincia di Reggio Calabria che guarda verso le coste del Mar Ionio. Verrebbe da pensare che un prodotto così esclusivo del territorio sia sempre stato al centro dell’economia reggina e invece il bergamotto ha rischiato di sparire, a causa dell’insana pratica di alcuni commercianti che in passato hanno cercato di fare i furbi ricorrendo alla chimica per guadagnare di più con minore sforzo. Poi si è capito che la Natura vince sempre e così soltanto con il vero frutto si possono ottenere quegli oli essenziali per cui va pazzo il mondo della profumeria internazionale, per il quale il bergamotto è ingrediente essenziale e insostituibile. Oggi la produzione è in ripresa, tanto che, fiutato l’affare, perfino altre zone della provincia reggina vorrebbero approfittarne. “Adesso pure la montagna, sempre troppo trascurata, guarda al prodotto della fascia costiera con interesse” ha titolato in agosto il periodico locale In Aspromonte, riferendo iniziative politico-economiche che vorrebbero sfruttare l’onda lunga della crescita di notorietà dell’agrume. Ma il direttore della testata, Antonella Italiano, ribadisce nell’editoriale della “incredibile capacità” del bergamotto “di crescere così pregiato solo sulla fascia costiera della provincia reggina”. Proprio come avviene per l’azienda Gangemi che lo coltiva in rigorosissimo regime biologico in un’area di grande interesse storico e archeologico, tra resti di vie romane e ruderi di chiese secolari, nella valle che ospita anche il borgo di Sant’Apollinare e il relativo culto. E biologici sono pure i prodotti della trasformazione alimentare del bergamotto che Francesco Gangemi crea artigianalmente in un piccolo locale situato nel cuore delle piantagioni: succhi, marmellate, infusi, canditi, sciroppi, perfino un energy drink, tutta un’esplosione di sapori semplici e sinceri, con un profumo ineguagliabile che ti inebria. Francesco ha lasciato una moderna attività edile per tornare alle antiche pratiche del nonno che da queste parti faticava da giovane, macinando sudore e chilometri da scalzo, con il solo aiuto di un mulo. Il richiamo della terra, si dice, ma se da essa emana il profumo del bergamotto, la chiamata è ancora più forte e suadente.

 
Italia
Italia
Cartina Geografica italia
Calabria Ultra
Calabria Ultra
Mappa Calabria Meridionale
Logo Aziendale Azienda Agricola Francesco Gangemi
Logo Aziendale Azienda Agricola Francesco Gangemi
Leone di Medea
Prodotti al Bergamotto Biologico, succo di bergamotto biologico, bergamotto biologico, marmellata di bergamotto biologico, canditi di bergamotto biologico, te al bergamotto biologico, tisana al bergamotto biologico, infuso di bergamotto biologico, sciroppo di bergamotto biologico, bevanda al bergamotto biologico, sale al bergamotto biologico, olio al bergamotto biologico - Azienda Agricola Francesco Gangemi
Soltanto nella zona costiera reggina viene prodotto l'agrume dal profumo più amato del mondo. (di Domenico Liggeri) - Tiscali


La Produzione
 
La nostra azienda si fonda sulla convinzione della  necessità che produzioni sane siano la chiave alimentare del futuro. Tutte le nostre azioni sono completamente dedite alla realizzazione di quest' obbiettivo. Di conseguenza le nostre produzioni sono naturali e biologiche certificate 
l'Azienda fornisce Olio d'Oliva, Olio Biologico d'Oliva, Olive biologiche, condimenti piccanti, agrumi, sapone d'olio d'oliva, olii essenziali di bergamotto, elicriso ed altro ancora.
Le varietà di ulivi coltivati sono: carolea, ottombratica e zinzifarica (varietà di olivo autoctona, molto pregiata in via di estinzione)
 
 
 
 

Un pò di storia dell'olio dell'oliva
 
Il leggendario albero di ulivo e l'olio ricavato dai suoi hanno accompagnato la storia dell'umanità. 8000 anni fa l'ulivo veniva già coltivato in Medio Oriente e le prime coltivazioni si ebbero molto probabilmente in Siria o Creta. I Fenici in seguito diffusero questa coltivazione su tutte le coste del Mediterraneo, dell'Africa e del Sud Europa. 
Con i Greci le coltivazioni di ulivo divennero sempre più numerose, ma furono i Romani che provarono a coltivare in ogni territorio conquistato questi frutti polivalenti riuscendo a costruire i primi strumenti per la spremitura delle olive e a perfezionare sempre di più le tecniche per conservare l'olio.
Fin dall'inizio l'ulivo e i suoi frutti sono stati presenti nella storia degli uomini sia nei riti sacri che nella vita quotidiana come per arricchire gli alimenti finanche nei massaggi e nella cosmetica come nei poemi omerici l'olio era usato esclusivamente per la pulizia e l'igiene.
 
Gli antichi Romani classificavano l'olio d'oliva in cinque categorie:
 
  1. "oleum ex albis ulivis" proveniente dalla spremitura delle olive verdi, 
  2. "oleum viride" proveniente da olive raccolte a stadio più avanzato di maturazione, 
  3. "oleum maturum"proveniente da olive mature, 
  4. "oleum caducum" proveniente da olive cadute a terra 
  5. "oleum cibarium" proveniente da olive quasi passite che era destinato all'alimentazione degli schiavi. 
 
 
I numerosi utensili per la raccolta e la spremitura delle olive, rinvenuti dagli archeologi in vari scavi nell'area mediterranea e diversi passaggi della Bibbia dimostrano l'importanza storica del dell'ulivo. Anche all'alba del terzo millennio l'olio di oliva costituisce un carico di misticismo e soprattutto un componente fondamentale della ormai famosa mediterranea, una moda di cui molti esperti attestano gli aspetti benefici per la salute. L'enorme varietà di aromi che l'olio d'oliva può avere lo rende un alimento utilizzabile in qualunque tipo di . I primi utilizzatori sono stati ovviamente i popoli Mediterranei che, grazie alla salutare "mediterranea" detengono il record dei più bassi tassi di malattie cardio-vascolari. I conoscitori e gli amatori sanno che l'olio d'oliva può avere essere fruttato o speziato, dolce o amaro, forte o delicato; il suo gusto infatti è fortemente determinato da diversi fattori quali l'area geografica la piovosità etc.
 
 
 

 
logo aziendale azienda agricola francesco gangemi
Proprietà dell'olio d'oliva
 
Nell'olio extra vergine d’oliva i componenti benefici per la salute sono sostanzialmente due. I primi sono i polifenoli, che danno il sapore caratteristico all’olio, più ce ne sono e più è piccante e fruttato, così come sono i polifenoli che stanno nell’uva a decidere sostanzialmente le di un vino. E’ una famiglia di composti chimici fortemente rivalutati dai nutrizionisti perché hanno il merito di essere antiossidanti, di combattere i “radicali liberi” dell’organismo in grado di attivare forme tumorali e altre malattie; inoltre i polifenoli favoriscono la riduzione del cosiddetto colesterolo cattivo (LDL) in circolazione nel sangue, che così rimane più scorrevole e con meno rischi di infarti.
Le olive italiane, specialmente quelle del centro-sud, contengono generalmente più polifenoli. che con la loro azione antiossidante, allungano la vita dell’olio, la cui alterazione è dovuta, appunto, principalmente all’azione dell’ossigeno: vi sono oli meridionali che anche dopo due anni mantengono splendidamente le loro caratteristiche originarie, chimiche e organolettiche, mentre la durata normale di un extra vergine è inferiore a un anno.
Altricomponenti benefici dell’extravergine sono gli acidi grassi insaturi, in particolare l’acido oleico, monoinsaturo, è presente per circa il 70%, “custode” delle arterie, acido grasso composto da atomi di carbonio e di idrogeno legati tra loro. A differenza dell’idrogeno, però, il carbonio può legarsi, con quattro elettroni, per cui a volte deve attaccarsi con due a un altro atomo e con le rimanenti due a quello successivo, formando un doppio legame che è più instabile e tende a slegarsi. Per questo è chiamato “insaturo” e, se il doppio legame è uno solo, “monoinsaturo”, come è, appunto, l’acido oleico.
 
Di colesterolo ne esistono i due tipi:
 
  1. “buono” (HDL) che protegge le arterie 
  2. “cattivo” (LDL) che tende aostruirle con la formazione di grumi.
 
Il monoinsaturo si lega al colesterolo cattivo nel sangue trascinandolo via poichè va ricordato che l’olio d’oliva non contiene assolutamente colesterolo cattivo e che l’acido oleico ha la proprietà non solo di ridurre il livello del colesterolo cattivo, ma anche di alzare quello del colesterolo buono. Inoltre, rende l’olio extra vergine d’oliva più assimilabile facilitando anche il trasporto delle vitamine in esso contenute. 
Flag Counter